Joom!Fish config error: Default language is inactive!
 
Please check configuration, try to use first active language

Racer 2009: Questi bolidi ruggiscono ancora
Racer 2009: Questi bolidi ruggiscono ancora

4-5 luglio 2009

Un amarcord infuocato come il solleone di luglio. Una ventata di passione autentica. Ieri l'orologio pareva girasse indietro nel tempo, quando nel Dopoguerra Como era diventata la "capitale" mondiale della motonautica per i suoi campioni, che erano costruttori dei loro bolidi da corsa. I mitici racer "tre punti" sono tornati a ribadire con forza che il tempo non li ha mandati in pensione. Non hanno potuto fare una corsa "vera", perchè non rientrano più nelle attuali categorie agonistiche, ma una bella dimostrazione del loro valore l'hanno data ancora, volando sulle acque cittadine dalla passeggiata di Villa Olmo a Villa Geno, risvegliando antiche emozioni.
Ci sono i "tre punti" più belli!

Racer 2009

A cominciare dal mitico Timossi, costruito ad Azzano di Mezzegra nel 1953, motorizzato Ferrari 4500 cc, di Luciano Mombelli. C'è un altro comasco purosangue, il Lucini del 1972 con motore Alfa Romeo 2000 di Guido Pesenti. Roberto Romani va orgoglioso del suo Harvey Payne statunitense motorizzato Chevrolet 8 cilindri. Ci sono anche francesi, inglesi e belgi, come Francois La Carelle con un Lambro/Lancia, John Heverett su San Marco/Chevrolet e Jean Praet con un Celli/Alfa Romeo. Il bresciano Giovanni Ferrari mostra con orgoglio il suo Popoli/Alfa Romeo 2000, molto legato alla storia della M.I.La. perchè appartenne a Renato Moraglione, vincitore di categoria alla Pavia-Venezia del 1974.